sabato 31 gennaio 2009

...e ti tirano Di Pietro!

(Sottotitolo: chi di legalismo colpisce...)

Leggendo il post di Pierpandi mi è venuta voglia di scrivere un post su Di Pietro (e non solo).
Non per rivolgermi a Pierpandi direttamente, del quale so non essere Dipietrista, ma perché se alcuni argomenti li discutiamo stabiliamo meglio il rapporto con i vari Di Pietri e Grilli, oggi visti come uniche possibilità di espressione da molti di noi che,sempre costretti al “male minore”, in realtà delle spiegazioni li dobbiamo esigere anche dai nuovi Leaders-mali-minori. Perché le idee di tanta gente, oggi identificati come “seguaci” loro, penso siano diverse ed anche migliori. Non è giusto che lo stato di necessità ci limiti a rincorrere populisti. Non mi va l’idea che il patrimonio umano e ideale così ricco sia relegato al gioco: loro cantano “Meno male che Silvio c’è” e noi cantiamo “meno male che NomeDiverso c’è”. Parlo di persone che hanno rifiutato e rifiutano le dittature ed il “culto della personalità”.


Parto dall’ultima polemica che Di Pietro ha suscitato, o quantomeno ha permesso che si suscitasse. Dico ha permesso perchè, se ti assumi la responsabilità di parlare in una piazza delicata come quella, con il ruolo e la visibilità che hai, non ti puoi permettere di non parlare più che chiaro altrimenti limitati a sponsorizzare, salutare, presentare Borsellino e l’Alfano e poi taci.
E’ vero, la disinformazione ha trovato un pretesto per non dare voce alle associazioni vittime delle mafie, ha tagliato e cucito il servizio per alzare il polverone, tutto vero e fa schifo…ma.

Andiamo nel merito della questione Presidente e Di Pietro.
Molti Bloggers si sono scatenati in difesa di Di Pietro e in attacchi a Napolitano. Moltissimi lamentano che non è giusto attaccare Di Pietro perché quello che lui ha detto su Napolitano è giusto: Napolitano dorme e il suo silenzio uccide. Ma…piccolo particolare, Di Pietro non dice questo! Lui dice che si riferiva al silenzio della gente o no?... Forse no!
Abbiamo ragione tutti: Perché Di Pietro NON E’ CHIARO! CI GIOCA!
Allora mi chiedo:

Perché Di Pietro che fa il moralista legalista (per usare termini dolci) quando parla di immigrati, per i quali continua a chiedere espulsioni, rimpatri e pene varie, (perchè per lui la legge e le istituzioni sono tutto), poi gioca sui sottili confini della legalità con sto benedetto caso del "silenzio"?.
Ha il dovere di essere chiaro, ci basta già Silvio.
A quale silenzio si riferisce? Una cosa è dire che se "il popolo" è costretto al silenzio o, peggio lo accetta, si fa come la mafia.
Altra cosa è dire che il Presidente fa come un mafioso. Sarà ingiusto, ma per legge il popolo lo puoi offendere (anche perchè lo fai vedere come vittima, caso dello striscione) il Presidente no (c’è il reato di Vilipendio).
Per me è una stronzata ma il legalista è lui. E’ peggio il fatto che Di Pietro ci giochi.
Se gli chiedessero: “Signor Di Pietro, ma il presidente con il suo silenzio è complice, come chi è omertoso per la mafia?”, lui per rispettare la legge dirà no o si? Seconda domanda: “lei condivide i suoi sostenitori che, contestando il silenzio di Napoletano, lo considerino omertoso?” Lui dirà si o no? Direbbe sempre ni?
Io vedo che lui sta rispondendo NO! Non infrange la legge.
Alla stampa dice no, ma... lascia dire il Si ai suoi “sostenitori”. Molti blogger ne leggono un Si di fondo e lui lo lascia leggere! Dovrebbe pubblicamente e chiaramente dire: non sono d’accordo con miei sostenitori, il silenzio di Napolitano non c’è e se c’è non uccide. E per favore non lo dite altrimenti è reato. Ma non lo fa, ci marcia.

Mi richiedo : Come mai non è così fiscale come lo è con gli immigrati? Si deve o no rispettare la legge sempre?

Uso l’argomento immigrazione perché è uno dei temi in cui di più mostra il frutto del suo essere legalista fanatico e si sa che se con gli ultimi fai così...

Andiamo nel sito dell’IdV e vediamo cosa ci propone sugli immigrati.
Ricordiamo che l’immigrato è oggi di nuovo al centro della propaganda del governo e della destra, che li propone come problema di sicurezza e più serio della Crisi economica. Così, per trovare complicità nella società, per costruire un altro centro a Lampedusa, basta accostare immigrati a criminalità e sicurezza.
Allora, vai al sito di Di Pietro, cerchi immigrazione e trovi la spiegazione di una proposta di legge inserita nell’ambito… Sicurezza…minchia cominciamo bene!

Il disegno è presentato così:
Intanto è nella sezione LE PROPOSTE SULLA SICUREZZA E LA GIUSTIZIA
Si tratta di 7 Proposte di Legge, quindi il testo che riguarda gli/le immigrati/e si trova insieme a:
-PER LA CERTEZZA DELLA PENA
-IN CONTRASTO ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA
-ISTITUZIONE DELLA BANCA DEL DNA
-PER PROCESSI PIU' VELOCI
-PER UN MIGLIOR SERVIZIO DI GIUSTIZIA
-ACCERTAMENTI BIOLOGICI
Sezione bella dove trattare l’immigrazione,no?

La proposta è :
PER UN IMMIGRAZIONE REGOLARE
“Con questo provvedimento si propone principalmente un contrasto più efficace alla possibilità di soggiornare sul territorio italiano senza essere riconoscibili ed identificabili...”
Prendiamo alcune delle misure che loro stessi segnalano.

-Modifiche specifiche al codice penale ed a quello di procedura penale miranti ad inserire il reato di mancata collaborazione alla propria identificazione, ed eventuali alterazioni di parti del proprio corpo utili per consentire l’accertamento dell’identità.
(Immigrato, se fino ad oggi cercavi di non farti identificare e rispedire a casa, ne sei talmente terrorizzato, al punto che ti bruci i polpastrelli, Di Pietro ha pronte per te nuove pene da inserire nei codici penali così che cambi idea e ti fai rispedire da dove sei partito, volente o nolente.)
-Misure finalizzate a favorire la collaborazione dei Paese stranieri interessati.
(Significa che trattiamo con i “paesi ricchi e democratici” (Libia,Algeria, Bangladesh, Turchia, Cina, Nigeria, Liberia etc.) perché riportino sti sfigati al lusso che hanno lasciato, accogliendoli con tanto onore.)
-Interventi volti a bloccare gli ingressi ottenuti grazie a documenti falsi.
(Che te li eri fatti perchè nella foto eri venuto male e non perchè già una volta ti avevano beccato e tu non volevi rinunciare al sogno di migliorarti la vita.)

-Misure finalizzate a garantire un livello di maggiore sicurezza per i cittadini. In questo caso si propone tra le altre cose che le sentenze definitive di condanna non possono essere valutate discrezionalmente, ma devono costituire condizione ostativa al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno.
(Si, perchè noi non facciamo come la Destra, noi non diciamo immigrato=criminale. Ci preoccupiamo che i cittadini siano sicuri, nel senso che se parli di immigrati la loro sicurezza è in pericolo (???). Poi, se un immigrato ha una condanna il permesso non lo rilasciamo. Se per es. vendeva cd falsi, visto che lavoro in regola, senza documenti, non lo trova e deve campare, viene beccato e condannato e non ha più possibilità...troppo sfigato. Se invece fai lo stesso o anche peggio e non ti beccano, il permesso te lo diamo...viva i furbi.)
-Misure finalizzate a favore e rendere più efficace la collaborazione tra i prefetti e i sindaci attribuendo a quest’ultimi maggiori poteri e strumenti d’iniziativa.
(Sarà data loro una bella Stella di ordinanza in oro da attaccare sulla giacchetta, il cinturone e gli speroni saranno a carico della giunta comunale. Tosi può usare la sua Stella personale con il simbolo del carroccio.)
-Si propone inoltre di rafforzare la collaborazione tra le forze dell’ordine ed i vigili urbani
(Devono imparare, i vigili. Non possono fare come a Parma o a Termoli che si fanno beccare.) -Si attribuisce ai prefetti, per ragione di sicurezza, il potere di espulsione dei cittadini comunitari, sempre sulla base della normativa UE.
(Ma si ,espelliamoli sti czzo di Rumeni stupratori...noi non siamo come Berlusconi e la Lega.)
-Si propone di rendere più facilmente perseguibili reati come l’occupazione di suolo pubblico.
(E Vaffanculo pure a ste bancarelle che mentre passeggiamo è uno schifo e poi non possiamo più parcheggiare il motorino che non c’è un marciapiede libero.)

E bravo Antonio in piazza fai il Masaniello che non teme neanche di infrangere la legge per difendere le tue battaglie, poi con gli immigrati sei bello intransigente!

8 commenti:

pierprandi ha detto...

Felice di esserti stato d'ispirazione,devo fare qualche chiarimento che forse non emerge nel mio post ma nei commenti correlati si, ed anche in miei vecchi post, non sono un dipietrista nutro forti dubbi su di lui da sempre, tant'è che lo sempre considerato di destra(che non è una malattia ma...).Detto questo non mi sento uno strumento di Di Pietro per il semplice motivo che credo fermamente in quello che ho scritto,è una mia convinzione che avevo già espresso tempo fà in un altro post,sarò pure perseguibile di vilipendio ma non cambio idea. napolitano è un "ignavo" e deve vergognarsi! Detto questo concordo a pieno con te, Di Pietro lancia il sasso poi toglie la mano... Un saluto a presto

marus ha detto...

@pierpandi
mi scuso subito con te. Ho chiarissimo che non sei Di Pietrista e tantomeno, figriamoci, strumento. Comunque mi hai fatto capire che era necessario chiarirlo sul post.Aggiungo subito una parte che avevo tagliato perchè pensavo fosse già troppo lungo.

il Russo ha detto...

Come avrai letto da Pierprandi la mia voce è uscita dal coro, mi spiace il Grillismo (anche se applicato da Di Pietro che probabilmente è persona perbene) non fa che produrre risultati idioti e incoerenti come tu ben hai descritto.

l'incarcerato ha detto...

Di Pietro è un uomo di destra, come ho detto in numerose parti io no lo voterò mai e poi mai. E sono contento che tu abbia fatto un post dedicato al suo programma politico, un programma che potrebbe essere abbracciato da Alleanza Nazionale. Non dalla lega perchè quei cavernicoli vorrebbero chiudere direttamente le frontiere.

Io semplicemente non condivido questo accanimento verso di lui a causa della cattiva informazione che c'è stata.

Sinceramente a Piazza Farnese(per chi c'è stato) è stata una bellissima ed emozionante manifestazione. Da tempo che non vedevo gente che vuole combattere le mafie.

PS perchè nessun giornale ha riportato le frasi di Salvatore Borsellino o di Sonia Alfano che hanno accusato uomini che ricoprono alte cariche istituzionali? Perchè, in poche parole, nessun giornale ha riportato la verità su come è andata effettivamente la manifestazione? La mia è una domanda retorica...

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Io concordo con L'Incarcerato. Quando parlava di "silenzio" alludeva al fatto di non poter parlare liberamente dicendo cosa si pensa e criticando chiunque senza remore e timori reverenziali. Alludeva allo striscione fatto togliere.

Poi sul fatto che ci marci posso essere anche d'accordo (ricordo che lui ha chiesto dopo la sentenza sulla Caserma di Bolzaneto al G8 di Genova una commissione di inchiesta parlamentare dopo che pochi mesi prima i suoi luogotenenti l'avevan fatta saltare con i loro voti contrari...) ma cmq al momento gli altri hanno paura perfino di lui.

Questo lascia molto preoccupati e deve far riflettere..

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Bene, concordo su alcune ambiguità riguardanti Di Pietro, e le sue evidenti mire di potere politico. Lo stesso potrei dire di Beppe Grillo.
Anche su Travaglio e su Santoro si possono trovare pecche e difetti.
Però, c'è un grosso però. Abbiamo bisogno vitale di queste voci nella nostra società, non possiamo fare a meno di loro nel campo dell'informazione, più che in politica, direi. L'informazione, così tracimante perfino nel web, è un'informazione che, potremmo dire si auto-contempla, si auto-informa. Prendete il mio blog ad esempio, c'ho finora un solo follower. Magari scrivo cose intelligenti (la modestia non è il mio forte...), ma sono pochissimo letto. La vera informazione, quella che i nostri concitadini si vedono servita svariate volte al giorno in TV in primis, e poi anche sui quotidiani, è sostanzialmente sequestrata da un numero davvero minimo di persone.
Allora, tornando all'argomento iniziale, avere Travaglio che in Annozero mi dice della conferma del sequestro della carte dell'inchiesta "Why not" da parte del tribunale del riesame di Salerno, per me costitutisce un bene prezioso. Qui, tacciono proprio tutti, non solo tace il PD almeno altrettanto quanto il PDL, ma tace tutta la stampa, così come la RAI, Mediaset e La7. Questa è davvero una ipercensura, fatta però in maniera del tutto arbitraria.
Una notizia come questa è davvero una bomba. Pensate, il procuratore Apicella ha disposto un sequestro, che, seppure discutibile, è un atto formalmente assolutamente lecito. Il PG di Catanzaro dispone invece un contro-.sequestro su una materia che lo riguarda direttamente, e questo è ovviamente un atto che non può essere lecito: sennò, mi basterebbe essere un magistrato per impedire che si indaghi su di me, diventerei così intoccabile, e i sistemi democratici non possono prevederlo: perfino il lodo Alfano determina una non-imputabilità soltanto per un periodo limitato.
E il CSM cosa fa? Ha l'ardire di dare la punizione più grave ad Apicella, il PG riceve una semplice sospensione.
Questa decisione del CSM è davvero inaccettabile, francamente è dura accettare di vivere in un paese con un CSM così! Ricorderei infine che il Presidente del CSM è il Presidente della REpubblica: ognuno, da sè puyò trarre le sue conclusioni.
Rimango in attesa dell'incriminazione da parte del CSM dei giudici del riesame: non hanno ravvisato aspetti illeciti nel comportamento di Apicella, e dovrebbero essere anche loro incriminati da questi buontemponi del CSM.
A presto, Enzo

lorenzo ha detto...

Il punto è che in questo Stato di "crisi permanente" della politica, di pietro, con i suoi argomenti annacquati, passa per l'unico baluardo possibile di dissenso civile e dice bene qualcuno, perchè rimane pur sempre, aggiungo purtroppo, il solito contentino nella scelta tra il "minore dei mali minori"(ma questo ragazzi Marus lo sa benissimo) Del resto ricordo che di pietro & Co., non si sono mai riconociuti in un'area di sinistra,nè tantomeno (figurarsi)libertaria e questo scusate, a me basta e avanza per diffidare da iniziative spesso solo propagandistiche! come dire lo sà che se si tiene buono il suo elettorato, riesce a raschiare il barile del consenso, in un paese in cui certe idee, sembrano destinate ad estinguersi!! (ultimamente parlare di diritto al pensiero laico, sta diventando un motto rivoluzionario!!! chi avrebbe immaginato di tovarsi Panella e soci nella rosa dei "rivoluzionari italiani" sigh!)Dunque, aspettare tempi migliori, rimane l'unica risposta possibile per certi interrogativi. Cicli e ricicli gente, cicli e ricicli.

pierprandi ha detto...

Marus dove sei finito...? Il paese è alla deriva... Serve anche la tua voce! A presto